Autore Topic: 10/12/16 CARMAGNOLA (TO): EVENTO "OLTRE I PROPRI OCCHI"  (Letto 3416 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

massimo

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.049
    • Mostra profilo
    • MONDO in CAMMINO
    • E-mail
10/12/16 CARMAGNOLA (TO): EVENTO "OLTRE I PROPRI OCCHI"

TUTTE LE INFO SULLA PAGINA DELL'EVENTO DI FACEBOOK


la registrazione dà diritto a ricevere gratuitamente, all'atto della registrazione, il kit dell'evento
in fondo locandina scaricabile in PDF



L'evento si colloca in un anno particolare per Mondo in cammino: il trentennale dell'incidente nucleare di Chernobyl e il decimo anniversaio dell'omicidio di Anna Politkovskaya. Due eventi che hanno influito in maniera rilevante sulla crescita associativa e che rispecchiano una realtà con la quale l'associazione si è dovuta confrontare molte volte durante l'attuazione dei propri progetti, soprattuto nelle terre contaminate di Chernobyl e nelle regioni del Caucaso Settentrionale (Ossezia del Nord, Inguscezia e Cecenia): si tratta della costante constatazione delle verità non dette, delle verità manipolate e, più in generale, dei diritti umani calpestati e offesi. Per tale ragione Mondo in cammino ha pensato che non si poteva chiudere un anno così simbolicamente importante senza parlare di diritti umani, senza portare testimonianze dirette. Per di più, la realtà che ci circonda (pensiamo, in primo luogo, all'enorme problema dei migranti e alle problematiche e derive culturali ad esso connesse) rendono ancor più pressante la necessità di parlarne. Ripetiamo oramai da anni che "Non esiste solidarietà senza rispetto dei diritti umani". Ora più che mai non è tempo di voltarsi dall'altra parte, di fare finta di niente o, ancora peggio, di mostrare cinico disinteresse o rabbiosa contrapposizione. Per tale ragione abbiamo intitolato l'evento "Oltre i propri occhi": uno sforzo necessario per guardare oltre il proprio punto di vista. oltre le proprie certezze, oltre il proprio orticello....semplicemente oltre....E oltre c'è la nostra vita e quella di tutti coloro che ci circondano. Oltre c'è l'etica del futuro e la nostra stessa sopravvivenza come essere umani.

la registrazione dà diritto a ricevere gratuitamente, all'atto della registrazione, il kit dell'evento

Programma

ore 14,00/15,00: registrazione partecipanti
ore 15,00/17,00: prima parte
ore 17,00/17,20: intervallo
ore 17,20/18,30: seconda parte
dalle ore   19,00: buffet assieme ai protagonisti
(LA PARTECIPAZIONE AL BUFFET PREVEDE UN CONTRIBUTO DI ... EURO E LA SEGNALAZIONE SULL'APPOSITO MODULO. CLICCA QUI).
Come partecipare


COMPILARE IL MODULO DI ADESIONE
O INVIARE UNA MAIL a info@mondoincammino.org

la registrazione dà diritto a ricevere gratuitamente, all'atto della registrazione, il kit dell'evento

ACCREDITAMENTO MASS MEDIA

COMPILARE L'APPOSITO MODULO DI ADESIONE RISERVATO ESCLUSIVAMENTE PER QUESTO ACCREDITAMENTO

la registrazione dà diritto a ricevere gratuitamente, all'atto della registrazione, il kit dell'evento

LA PARTECIPAZIONE È LIBERA.

Pernottamento

Convenzione con Albergo San Marco di Carmagnola (TO). Prezzi per pernottamento con prima colazione compresa:
- camera singola: 60 euro
- camera doppia: 75 euro
- camera tripla:   85 euro
Per prenotare telefonare direttamente all'albergo (011 9626953) ed indicare la partecipazione all'evento di Mondo in cammino per ottenere il trattamento con i prezzi convenzionati. Contestualmente (se non già provveduto) COMPILARE IL MODULO DI ADESIONE

Altre info:

Organizzazione e logistica:
Telefono: 366 2089847
E mail: info@mondoincammino.org
www.mondoincammino.org


Durante l'evento sarà in funzione la postazione associativa di MONDO IN CAMMINO con materiale divulgativo e le bottiglie del VINO DI PACE e IMMENSA nate dalla collaborazione con la prestigiosa azienda agricola Luigi Drocco-Cascina Pontepietra di Alba (Cn)che ha deciso di destinare tutta la propria pregiata produzione di Langhe DOC rosso e bianco solo e unicamente per i progetti di Mondo in cammino

Sarà in funzione anche lo spazio di GLOCANDIA, riservato al commercio equosolidale, al biologico, all'economia sostenibile ed ecocompatibile...e alla pausa caffé.

SCHEDE PROTAGONISTI


ALESSANDRA BALLERINI. Avvocato, giornalistapubblicista, esperta di diritti umani e di immigrazione, svolge la propria azione a difesa di donne vittime di violenza, rifugiati, minori, tutela di emarginati e delle cosiddette fasce deboli. Consulente della Caritas di Ventimiglia, di Terre des Hommes; lavora con il Centro Antiviolenza della Provincia di Genova per la tutela delle donne maltrattate e con il Comune di Genova al Progetto Sunrise in favore delle donne vittime di tratta. Collabora con la Comunità San Benedetto al Porto di Don Gallo, con Amnesty International, il Sorriso Francescano e le Suore della Misericordia. Con il “Teatro di nascosto” di Volterra ha partecipato agli spettacoli “Dinieghi” e “Rifugiati”, messi in scena al Parlamento Europeo e in diversi Teatri italiani. E’ avvocato della famiglia Regeni. Tra i suoi libri: "Il muro invisibile" (Frilli), "La vita ti sia lieve: storie di migranti ed altri esclusi" (Melampo).


ELISA E RINO ROCCHELLI. Dopo il recente arrivo dei risultati dell'inchiesta Ucraina, a oltre due anni dalla morte di Andrea (Andy) Rocchelli e Andrey Mironov a Sloviansk (24 maggio 2014). Elisa e Rino Rocchelli  si sono dichiarati "molti delusi" dei contenuti del fascicolo e hanno chiesto l''intervento del governo italiano. Affermano: "«Né noi, né sua sorella Lucia né la sua compagna Mariachiara abbiamo obiettivi di vendetta. Vogliamo però certo sapere com’è andata, conoscere la dinamica dei fatti. Che si faccia luce sul caso con serietà e onestà, senza mistificazioni, e venga fatta giustizia. È chiaro che chi fa questo lavoro si espone al rischio. Ma non deve passare con facilità l’idea che l’uccisione di un giornalista venga considerata un rischio fisiologico del mestiere, la sua morte un “danno collaterale” ,“normale” in situazioni di pericolo, o in una guerra non dichiarata come questa»


NADEZHDA KUTEPOVA.  Presidente dell’associazione russa  “Il pianeta delle speranze”), accusata di avere rivelato “segreti industriali” per via delle sue denunce sull’attività di inquinamento radioattivo del complesso russo di Mayak nella provincia di Chelyabinsk (Urali) e perseguitata dalle autorità per il suo impegno a sostegno alle vittime, nel 2015 ha dovuto – assieme a tre figli - riparare precipitosamente all’estero per il pesante clima di intimidazione messo in atto, anche con il supporto di alcuni “mass media” governativi,  nei suoi confronti e per il successivo instaurarsi di condizioni di insicurezza nella gestione della propria vita e di quella dei propri cari. Nadezhda è l'interprete del road movie “Behind The Ural, the nightmare after Chernobyl”, la prima produzione di Mondo in cammino.


ELENA ARVIGO. QUI la sua pagina Wikipedia. Ha studiato danza a Genova con Giannina Censi. Ha studiato recitazione alla Goldsmith's University di Londra dal 1993 ql 1996. Ha perfezionato la propria preparazione come ballerina al London Studio Centre e come attrice alla Scuola di Recitazione del Piccolo Teatro di Milano. Allieva di Giorgio Strehler, è stata diretta a teatro tra gli altri da Valerio Binasco, Eimuntas Nekrosious, Jacques Lassalle, Luca Zingaretti e Alvis Hermanis, Roberto Rustioni. Negli ultimi anni ha alternato l‘attività di  interprete e di regista autoproducendosi i progetti/ spettacoli  e curandone ogni aspetto:“Maternity Blues (From Medea)” di Grazia Verasani, “Donna non rieducabile” di Stefano Massini e “Monologhi dell’atomica”. In televisione è stata protagonista  dell’ultima seria della Piovra insieme a Remo Girone, e ha preso parte  a numerose fiction e film storici: “Perlasca”, “Marcinelle”, “Sotto il cielo di Roma”. Ha preso parte anche  a fiction straniere recitando in inglese e tedesco (protagonista delle serie tedesca “In der Mitte eines lebens”, girato a Berlino; ha preso parte ad alcune puntate della serie americana “Mental” girata tra Los Angeles e Bogotà). Per il cinema ha lavorato in alcune produzioni internazionali, tra le quali “Eat Pray Love “ di Ryan Murphy, “Peopling the places” di Peter Greenway  e “Perl oder Pica” di Pol Crucheten . E’ stata protagonista accanto a Ben Gazzara in “Bonjour Michel” ed ha lavorato con Julia Roberts in Mangia, prega, ama. Ha di recente recitato in due film per il cinema italiano indipendente di prossima uscita “Time Zone Inn” di Andrea Di Iorio e “Una vita in cambio” di Roberto Mariotti.



PIERFRANCESCO CURZI. Curzi. giornalista e scrittore, è cronista da un quarto di secolo e dal 2001 collabora con Il Resto del Carlino, dopo l'esperienza a Il Messaggero. Da anni pubblica reportage di esteri da tutto il mondo, Africa, Sudamerica, Asia Centrale, Europa dell'est e Medio Oriente, su Il Fatto Quotidiano. È stato osservatore elettorale internazionale durante le elezioni in Guatemala e in Nicaragua. Nel 2014 ha pubblicato il romanzo di viaggio Stanno tutti bene, dedicato in larga parte al genocidio ruandese;nel 2015 il libro “In Bosnia” e nel 2016 “Nel Caucaso, da Grozny a Beslan” con introduzione di Massimo Bonfatti.


MASSIMO BONFATTI. Impegnato da decenni in campo sociale, alterna la sua attività lavorativa con quella in ambito volontaristico. Giornalista pubblicista, diplomato in lingua russa ed esperto di tematiche dell’Europa Centro Orientale e dello spazio post sovietico, ha fondato nel 2005 l’Organizzazione di volontariato per la solidarietà “Mondo in cammino”, ideando e lanciando le più importanti attività associative. E’ autore del libro: “Il naso lungo di Chernobyl”  ed è protagonista del film/documentario "Oltre la Sbarra", girato nella riserva radioattiva di Dubovy Log. E' considerato uno dei maggiori conoscitori delle conseguenze del fallout di Chernobyl.


MASSIMO MATTA. Fotoreporter, prevalentemente in campo sportivo. Animo viaggiatore con una particolare predilizione per l'Africa: Madagascar, Namibia, Botswana, Sud Africa e Uganda. Nel 2016 si ' recato per due volte e per più giorni nella zona di esclusione di Chernobyl. Da questa esperienza è nato il progetto "Oltre l'eternità", patrocinato da Mondo in cammino, consistente in una mostra e nella pubblicazione del libro "Oltre l'eternità. Chernobyl fra immagini e riflessioni" con introduzione di Massimo Bonfatti.


PROGETTO "OLTRE L'ETERNITA' . Chernobyl fra immagini e riflessioni


PROGETTO KHORAKHANE'.Gruppo di musicisti uniti dalla passione per la musica e la poesia di F. De André. Patrocinati dalla "Fondazione F.D.A." presieduta da Dori Ghezzi, vincono nel 2006 il “Bologna Music Festival”. Nel 2010 dà il via al progetto “Mia compagna di viaggio… dedicato a Mia Martini”. Si esibiranno Erika Santoru e Alberto Chiera. Erika insegna canto a Milano presso il C.P.M. diretto da F. Mussida. Ha duettato con Ron, Morandi, Belli, Dolcenera, Guerzoni, Vallesi e collaborato con A.Radius. Alberto, pianista d'impronta classica (conservatorio “Verdi”, Cuneo) e fisarmonicista, si è perfezionato con il prof. L. Martina, già accompagnatore di Paolo Conte.


GLOCANDIA. Glocandia è una cooperativa che gestisce, a Torino, una bottega etica (commercio equo e solidale, GAS, filiera corta, Kilometro zero, ecc.) e che fonda il suo impegno nella ricerca di modelli di alimentazione e consumo sani, rispettosi dell’ambiente e della società.  Il motto di Glocandia è: “Dobbiamo essere il cambiamento che desideriamo vedere nel mondo” (Mahatma Gandhi)


KARMADONNE. L'associazione KARMADONNE é un progetto di inserimento lavorativo di un gruppo di donne native e straniere che mettono a disposizione la loro abilità nella preparazione di piatti italiani e etnici.

I vini di Mondo in Cammino
VINO DI PACE E IMMENSA

     

Vino di pace” e “Immensa” sono le due proposte enologiche di Mondo in cammino per sostenere le azioni e i progetti associativi rivolti alla costruzione di un mondo migliore.
I vini nascono da un progetto esclusivo realizzato per Mondo in cammino da parte dell'Azienda Agricola Luigi Drocco Cascina Pontepietra

Il VINO DI PACE sostiene i progetti internazionali di Mondo in cammino per la pace e riconciliazione nel Caucaso del Nord, angolo non pacificato d'Europa.
IMMENSA sostiene le iniziative e i progetti nazionali di Mondo in cammino a favore delle mense dei poveri.

 
Il Langhe Rosso e il Langhe Bianco
Il Langhe è una denominazione di tipo territoriale e trae la sua giustificazione da quella saggia pratica tradizionale che porta i viticoltori di Langa e Roero a selezionare nel vigneto la produzione a seconda della qualità dell’uva.
Nell’ambito della doc Langhe meritano una segnalazione particolare i due vini che non portano la menzione di vitigno, vale a dire il Langhe bianco e il Langhe rosso, i quali possono essere prodotti con la vinificazione in purezza o in assemblaggio di tutti i vitigni coltivati nella zona di produzione.
La Denominazione Langhe riassume a pieno la vocazione vitivinicola del territorio che rappresenta, estremamente vario e dinamico, ed è per questo che al suo interno troviamo diversi vitigni e molte tipologie di vini. Langhe è un territorio che al suo interno possiede una varietà di suoli non comune in nessun altro areale viticolo Italiano e forse del mondo. Il numero elevato di vitigni coltivati trova giustificazione nel complesso panorama pedo-climatico delle Langhe, dove abbiamo suoli marnosi, calcarei, sabbiosi ed argillosi, a volte miscelati tra loro in maniera unica. La DOC Langhe nasce nel 1994 con l’intento di unire il territorio.
La disciplinare per il Langhe rosso e per il Langhe bianco prevede rispettivamente l’uso di uno o più vitigni a bacca rossa o a bacca bianca, non aromatica, tra quelli raccomandati e autorizzati per la provincia di Cuneo
Il Vino di pace è un blend di Dolcetto d'Alba e di Dolcetto di Diano d'Alba; Immensa un blend di Arneis e Favorita.


[TERREMOTO IN CENTRO ITALIA: NON LASCIAMOLI SOLI! - Clicca qui e visita il minisito del progetto]
« Ultima modifica: 15 Dic 16, 09:24:25 am da Administrator »